MacOS 11 Big Sur di Apple segna la fine di OS X, non del Mac

Il keynote di WWDC20 prodotto da Apple non ha enfatizzato direttamente, ma il nuovo macOS Big Sur che sarà distribuito al pubblico questo autunno è ufficialmente "macOS 11", che segna la fine della progressione ventennale del marchio "Mac OS X". Ma non preoccuparti, non è la fine del Mac.

Alzalo fino a 11

La prima beta di macOS Big Sur di Apple è stata resa disponibile per i membri del programma di sviluppo con la designazione di versione "10.16", che è ciò che ci si potrebbe aspettare dal successore del Mac OS 10.15 Catalina dell'anno scorso. Ma ad Apple piace cambiare le cose e mantenerle interessanti.

Big Sur beta

La beta di Big Sur era originariamente chiamata 10.16

In questo caso, il passaggio a macOS 11 è stato una rivelazione sottile. Parlando dall'area pratica dello Steve Jobs Theater durante il keynote del WWDC20, il capo del software di Apple Craig Federighi ha mostrato schermate che indicavano che la nuova versione stava finalmente superando la grande "X" che ha definito l'esperienza Mac per 20 anni.

Il nuovo aggiornamento 2020 di Apple alle linee guida per l'interfaccia umana del suo sviluppatore ora fa costantemente riferimento a Big Sur come "macOS 11", piuttosto che essere un'altra versione incrementata del marchio "Mac OS X" che è stato inizialmente pubblicato come beta pubblica nel 2000 e come iniziale " Mac OS X 10.0 "versione pubblica nel 2001.

Negli ultimi due decenni, Apple ha rilasciato a intervalli regolari nuove importanti versioni del suo moderno sistema operativo per Mac. Dal 2016 ha de-enfatizzato il numero romano "X", spostando il suo nome commerciale semplicemente in "macOS". Ha anche sempre più capitalizzato il suo "nome in codice" che cambia ogni anno assegnato a ciascuna versione – prima i grandi felini, poi i luoghi in California – relegando il numero di versione attuale sempre più fuori di vista.

Il passaggio da "X" a 11 può sembrare preoccupantemente inquietante, ma in realtà riflette solo una serie di mosse che Apple ha fatto per allineare meglio il suo lavoro sul desktop del Mac con le sue piattaforme mobili. Dopo 14 anni di versioni di iOS, ora stiamo ottenendo anche un numero di versione annuale semplice e ottimizzato per Mac.

Il Mac non sta andando via, sta recuperando terreno

Numerosi osservatori hanno suggerito che Apple sta perdendo il suo interesse per la piattaforma Mac e temono che Apple stia pianificando di sostituire la sua piattaforma informatica convenzionale di 35 anni con, in effetti, una versione ingrandita di iPadOS. Citano sviluppi come Catalyst, che aiuta gli sviluppatori a portare il loro codice OS esistente sul Mac o la nuova mossa su Apple Silicon Mac, che consentirà all'hardware futuro di eseguire software iOS senza alcuna modifica.

Alcuni hanno sottolineato i nuovi perfezionamenti dell'interfaccia utente in Big Sur che sembrano una moderna partenza dall'aspetto tradizionale del Mac con i suoi pannelli quadrati, allineamenti rigidi e contrasto più drammatico delle regioni monocromatiche scure. Il desktop Big Sur predefinito nella prima beta rende il nuovo aspetto aggiornato particolarmente radicale grazie al suo uso di colori intensi (sotto). È questa la fine dell'amato Macintosh? Sta diventando "solo un grande iPod touch"?

Desktop Big Sur beta

Cambia lo sfondo predefinito (sopra) con la foto del Big Sur in California (in alto) e il tutto sembra meno estraneo e appariscente

Io non la penso così. Invece, penso che i cambiamenti che Apple sta apportando al Mac siano nella giusta direzione, anche se toccano quella parte del cervello che incita alla paura e alla preoccupazione semplicemente perché le cose sono nuove, diverse e leggermente meno familiari. Ci sono alcuni problemi di transizione e spigoli vivi, come il nuovissimo pannello Batteria che sostituisce il vecchio pasticcio confuso di "Energy Saver" – ma questa è la prima versione beta dello sviluppatore. Le cose sono ancora in evoluzione e i cambiamenti vengono eliminati.

Pannello batteria Big Sur

Apple ha assunto il team emoji di Google per elaborare questa strana batteria del preservativo?

Piuttosto che essere scontenti che alcune cose sul Mac stiano cambiando e – orrori! – riflettendo il lavoro che Apple ha già svolto per iPadOS, è utile guardare le cose dall'altra parte. Per anni, il Mac ha ricevuto meno attenzione e risorse di Apple semplicemente perché le opportunità di mercato offerte da iPhone e iPad erano molto più grandi.

Nell'ultimo decennio, il lavoro necessario per fornire la tecnologia leader di smartphone e tablet è stato urgente, mentre il Mac ha avuto per lo più solo bisogno di perfezionamenti per renderlo comodamente competitivo con PC e netbook. Tre anni fa, Apple è stata consumata dal reinventare iPhone X e da allora si è concentrata sulla differenziazione e sul miglioramento radicale della sua "nuova" piattaforma iPadOS.

Torna al Mac

Il nuovo Big Sur prende in prestito una serie di miglioramenti familiari e funzionali dagli anni di lavoro di Apple incentrati su iOS. Un ottimo esempio è il nuovo Control Center, che porta sul Mac lo stesso layout pulito, intuitivo e configurabile di impostazioni rapide.

Centro di controllo a Big Sur

Il nuovo Control Center ispirato a iOS di Big Sur è bello e geniale

Uno dei maggiori sforzi di Apple nella macOS Catalina dell'anno scorso è stato quello di spezzare il suo monolitico iTunes in una serie di app moderne e snelle, che riflettono il modo in cui le cose funzionavano sotto iOS. Nella nostra recensione di Catalina, uno dei problemi che abbiamo notato è stata la crescente mancanza di coerenza visiva e dell'interfaccia utente tra le sue varie app in bundle, un divario che continuava a crescere come lotti di nuove app con il loro stile di interfaccia fresco eretto con ogni nuova versione.

Alcune app meno recenti sembravano bloccate in diversi punti del passato perché lo erano letteralmente. Poiché gli strumenti di sviluppo interno di Apple hanno continuato a cambiare nel corso degli anni, alcuni dei codici più vecchi sono rimasti difficili da modernizzare o armonizzare con il resto del sistema.

Invece di passare gli ultimi due anni a lavorare per aggiornare vari vecchi componenti macOS con l'aspetto Mojave, Apple ha invece iniziato a tracciare un salto molto più audace e materiale: un salto al suo Apple Silicon al livello più basso dello stack, come nonché un nuovo approccio radicale per la creazione di aspetto e comportamento di alto livello nella nuova interfaccia utente di Swift. In parallelo, Apple ha anche introdotto Catalyst come un modo per portare il codice iOS esistente sul Mac.

Tutti e tre rappresentano enormi investimenti per migliorare la piattaforma Mac e prepararla per il futuro. Espandono la libreria di software che i Mac possono eseguire mentre trasferiscono e adattano alcune delle straordinarie opere dell'interfaccia utente già eseguite per dispositivi mobili su sistemi Mac desktop ottimizzati per gestire attività più grandi e complesse. Queste modifiche rendono il Mac più rilevante dal punto di vista commerciale e una piattaforma più forte.

I critici si sono fissati su problemi di aspetto niggling nelle app Catalyst iniziali e si sono preoccupati che l'aspetto e la sensazione del caro Mac andassero via. La verità è: lo è. Il Mac si sta sempre più modernizzando, sfruttando un nuovo codice più flessibile che supporta funzionalità che vanno dall'accessibilità e l'internazionalizzazione alla Modalità oscura. I sostenitori del Mac potrebbero essere tentati di incolpare l'iPad o l'iOS, ma la vera forza del cambiamento è l'interfaccia utente rapida, catalizzatore, simboli e altre moderne tecniche e tecnologie dell'interfaccia utente che sono apparse semplicemente su iPad e iPhone perché stavano ricevendo la maggior attenzione da parte di Apple .

Apple Music Big Sur

Big Sur prende in prestito la tecnologia di iOS, come Symbols, per migliorare il Mac e renderlo più coerente

Va bene esaminare criticamente i cambiamenti visivi che Apple sta introducendo in Big Sur, ma considera di valutarli come cambiamenti intrinsecamente positivi che non sono ancora stati finalizzati. L'impatto dei cambiamenti di Big Sur può sembrare più radicale semplicemente perché sono applicati in modo più coerente nell'intero macOS rispetto alle versioni precedenti. Ciò di per sé indica che anziché essere semplicemente un "nuovo look" arbitrario per le nuove app, le modifiche sono un ripensamento più fondamentale di come mantenere il software moderno e mantenibile, e quindi più coerente.

Alla WWDC20, Apple ha dedicato molto lavoro a mostrare agli sviluppatori come possono sfruttare gli strumenti più recenti, in particolare l'interfaccia utente di Swift, per creare interfacce per app pulite che siano ordinate, coerenti e intuitive da utilizzare, supportando al contempo funzionalità moderne e preparandosi a adattarsi alle future funzionalità del sistema operativo man mano che vengono fornite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *