Il CEO di Google Sundar Pichai vuole collaborare con Apple per nuovi progetti

Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet, ha dichiarato di essere "impegnato" a trovare altre opportunità di collaborazione con Apple oltre al sistema di notifica dell'esposizione delle società.

L'amministratore delegato di Google si è recentemente seduto con di Wired Steven Levy parlerà di argomenti che vanno dal lavorare in remoto all'API di tracciamento dei contatti Apple-Google, creata per aiutare a fermare la diffusione del coronavirus e rilasciata mercoledì.

Quando gli è stato chiesto se la partnership potesse "aprire le porte" a un'ulteriore collaborazione tra le aziende, Pichai ha dichiarato di essere "impegnato a trovare altre opportunità" affinché ciò accada, aggiungendo che aveva "lo stesso senso" dal CEO di Apple Tim Cook .

"Le grandi aziende che lavorano insieme al servizio della società fanno davvero bene al mondo", ha detto Pichai Cablata

Un partenariato pubblico così stretto tra i due titani non è comune. Ma un rapporto di aprile che illustra in dettaglio lo sviluppo del framework indicava che, sebbene il lavoro iniziale fosse separato, Google è salito a bordo abbastanza rapidamente.

"Entrambi i team hanno iniziato indipendentemente a lavorare sulla tecnologia per supportare le agenzie sanitarie nel loro lavoro di ricerca dei contatti", ha detto Pichai. "Molto rapidamente entrambe le parti hanno capito che per funzionare bene deve essere disponibile ovunque."

Da lì, i team di ingegneri di Apple e Google hanno iniziato a mettersi in contatto tra loro. Ad un certo punto, disse Pichai, lui e Cook decisero di interfacciarsi direttamente. Una volta finalizzato il framework, i due CEO hanno dato il loro sigillo di approvazione finale. L'API è stata annunciata per la prima volta il 10 aprile.

Pichai ha detto Cablata che incontra "periodicamente" con Cook. Ha aggiunto che Google collabora con Apple in molte aree e, quando si è trattato del framework di notifica dell'esposizione, hanno ritenuto che "la somma fosse maggiore delle parti".

Il capo di Google ha ampliato alcune delle forti protezioni della privacy inserite nell'API, affermando che la parte di opt-in del framework è un aspetto importante del processo.

Alla domanda se la traccia dei contatti non sarà efficace a causa della clausola di opt-in, Pichai ha affermato che il sistema potrebbe avere un impatto significativo sulla mitigazione dei virus anche se solo il 10-20% degli utenti partecipa.

"Abbiamo anche capito che dobbiamo offrire agli utenti garanzie reali sulla privacy", ha affermato. "Penso che abbiamo raggiunto il giusto equilibrio."

Pichai ha anche affermato che è improbabile che Google rimanga al 100% remoto, dicendo che è ancora troppo presto per dire quanti dipendenti potrebbero lavorare da casa al termine della pandemia. Google, e il resto della Silicon Valley, sono stati ordinati a casa dal 16 marzo.

L'intervista completa con Pichai, che tratta argomenti come la disinformazione sulle piattaforme di Google e la possibilità di offerte di prodotti in Cina, è disponibile all'indirizzo Cablata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *