Il produttore di chip TSMC conferma il piano di apertura di una fabbrica da $ 12 miliardi in Arizona

Il partner di produzione di processori di Apple TSMC ha annunciato ufficialmente che aprirà un avanzato impianto di fabbricazione di semiconduttori in Arizona, con il primo lotto di chip previsto nel 2024.

A seguito di precedenti rapporti secondo cui TSMC stava progettando di aprire un nuovo impianto di fabbricazione negli Stati Uniti, il produttore di chip ha ora confermato che spenderà $ 12 miliardi per la costruzione in Arizona.

"Questa struttura americana non solo ci consente di supportare meglio i nostri clienti e partner, ma ci offre anche maggiori opportunità di attrarre talenti globali", ha affermato la società in una nota.

"Questo progetto è di fondamentale importanza strategica per un vivace e competitivo ecosistema di semiconduttori negli Stati Uniti che consente alle principali aziende statunitensi di fabbricare i loro prodotti di semiconduttori all'avanguardia negli Stati Uniti e di beneficiare della vicinanza di una fonderia e di un ecosistema di semiconduttori di livello mondiale", ha continuato.

La società afferma che la costruzione di impianti dovrebbe iniziare nel 2021. Prevede che la produzione di chip inizierà nell'impianto finito nel 2024, ma le sue spese di $ 12 miliardi verranno distribuite nel periodo compreso tra il 2021 e il 2029.

TSMC, con sede a Taiwan, utilizza i processori serie A di Apple nei suoi iPhone e iPad, e la società dovrebbe passare ai processori a 5 nm per "iPhone 12" entro la fine dell'anno. Il nuovo impianto di TSMC sarà una struttura di produzione a 5 nm, e quindi potrebbe anche fornire processori per i Mac basati su ARM quando inizia.

La mossa di TSMC di produrre più processori negli Stati Uniti segue anni di aziende tecnologiche che cercano di ridurre la loro dipendenza da Taiwan e dalla Cina. Segue anche la notizia di questa settimana che il presidente Trump ha minacciato le compagnie fiscali come incentivo a far spostare la produzione negli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *