I senatori presenteranno la normativa sulla privacy di tracciamento dei contatti di COVID-19


Di Mike Peterson
Venerdì 01 maggio 2020, 14:17 PT (17:17 ET)

Giovedì un gruppo di senatori repubblicani ha dichiarato di voler introdurre un disegno di legge che regolerebbe l'utilizzo dei dati dei consumatori per combattere la diffusione di COVID-19, incluso Apple e il sistema di notifica dell'esposizione di Google.

I legislatori giovedì hanno annunciato una nuova legislazione volta a proteggere la privacy dei consumatori dalle app di tracciamento dei contatti. Credito: Martin Falbisoner

I legislatori giovedì hanno annunciato una nuova legislazione volta a proteggere la privacy dei consumatori dalle app di tracciamento dei contatti. Credito: Martin Falbisoner

Il COVID-19 Consumer Data Protection Act "fornirebbe a tutti gli americani maggiore trasparenza, scelta e controllo sulla raccolta e sull'utilizzo dei loro dati personali relativi alla salute, alla geolocalizzazione e alla prossimità" durante la pandemia di coronavirus, Sens. Roger Wicker (MS), John Thune (SD), Jerry Moran (KS) e Marsha Blackburn (TN) hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta.

Sebbene non sia specificamente denominato, è probabile che la legislazione si applichi al framework di tracciamento dei contatti annunciato da Apple e Google ad aprile.

In particolare, le aziende dovrebbero ottenere il consenso del consumatore prima di utilizzare i dati per tracciare la diffusione del coronavirus e consentire agli utenti di annullare l'iscrizione in qualsiasi momento. Obbliga anche le aziende a far sapere agli utenti come vengono utilizzati i loro dati, per quanto tempo potrebbero essere conservati e con chi potrebbero essere condivisi. Inoltre, le aziende dovrebbero eliminare o rendere anonime le informazioni dopo che non sono più necessarie.

La maggior parte di questi requisiti sono già integrati nell'API Apple-Google. Il sistema dei giganti della tecnologia si basa su dati anonimi archiviati in modo decentralizzato ed entrambe le società richiedono agli sviluppatori di app di tracciare i contatti su base rigorosamente opt-in. Apple e Google si sono anche impegnati a smantellare il sistema dopo che non è più necessario.

Da quando l'idea è nata ad Apple a marzo, il gigante della tecnologia di Cupertino ha lavorato con i suoi crittografi interni per garantire che il sistema proteggesse la privacy e la sicurezza dei consumatori a tutti i livelli.

Alcune di queste protezioni hanno causato lo scontro tra Apple e Google con altri governi, come il Regno Unito, che stanno optando per un sistema che memorizza le informazioni in un database centralizzato. Anche Francia e Germania hanno lanciato un sistema centralizzato, sebbene la Germania abbia cambiato posizione e appoggiato la metodologia di Apple e Google.

Ma alcuni sostenitori della privacy, come Sara Collins, consulente politico del gruppo di controllo Public Knowledge, stanno sollevando le proprie preoccupazioni in merito al disegno di legge. Collins ha affermato che la legislazione non fornisce nuove risorse, poteri di esecuzione o autorità di regolamentazione alla Federal Trade Commission, The Verge rapporti.

Sostiene che previene anche protezioni della privacy della Federal Communications Commission molto più forti sui gestori di telefonia mobile e impedisce inoltre agli Stati di "adottare o applicare protezioni della privacy più rigorose in assenza di forti protezioni federali presso la FTC".

Ha definito la legislazione "deregolamentazione mascherata da protezione dei consumatori" e afferma che fornisce "poca protezione per la privacy degli americani durante l'epidemia di COVID-19".

Apple e Google hanno rilasciato agli sviluppatori versioni beta delle loro API di notifica dell'esposizione questa settimana in vista di un ampio lancio a metà maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *