Skip to content
Freedsound | Scaricare Musica Gratis da Youtube


Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Marzo 18, 2020
Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Il personale di AppleInsider lavora in tutto il mondo e la maggior parte di noi ha uffici a casa. Se stai cercando la configurazione ideale della scrivania, possiamo mostrarti che non ce n’è uno, ma qui ci sono otto preferiti che ci aiutano a fare il nostro lavoro.

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Non ci sono due utenti Apple uguali.

Ovviamente non è divertente essere improvvisamente costretti a lavorare da casa. È un aggiustamento difficile, c’è molto che devi fare semplicemente per portare avanti il ​​tuo lavoro nel miglior modo possibile ed è probabile che i soldi siano limitati. Tuttavia, oltre ad essere essenziale per il tuo carico di lavoro e la tua salute mentale, prendere il tempo che puoi per creare la giusta configurazione della scrivania per te è in realtà piuttosto piacevole.

Abbiamo discusso in termini generali su come lavorare da casa qualche settimana fa. Anche prima di allora, avevamo un certo livello di background di richieste per specifiche riguardanti le nostre configurazioni specifiche. Dopo la pubblicazione di quel pezzo, le richieste si sono inondate.

Tutti abbiamo bisogno di un po ‘di divertimento e, francamente, se non sei nemmeno un po’ ficcanaso sulle configurazioni di Mac e iOS di altre persone, beh, lo siamo. Vieni per la sorprendente gamma di tecnologie e resta per come questo dimostra che la produttività e il comfort sono enormemente diversi per tutti.

Ecco i banchi, e le parole, di quelli AppleInsider personale che ha riordinato rapidamente.

William Gallagher, scrittore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Questo è un braccialetto di teletrasporto Liberator dal Blake 7 della BBC sotto il monitor di William Gallagher.

Se me lo avessi chiesto tre settimane fa, ti mostrerei come il mio Mac mini 2018 è stato collegato al monitor più economico e a bassa risoluzione che ho trovato. Quindi circa due settimane fa, avresti visto praticamente un Rube Goldberg sferzare un aggeggio, dato che il mio iMac del 2012, per lo più rotto, fungeva da display per quel Mac mini.

Solo lo scorso fine settimana, però, mi sono trasferito a questo. È lo stesso Mac mini ma il display è un Samsung LC34J791WTUXEN ultrawide da 34 pollici. Quel nome sembra che sia appena inciampato sulla tastiera, ma in molti modi, questo è il miglior monitor che abbia mai avuto. Certamente non voglio tornare a uno normale, non ultrawide. È il primo a farmi dimenticare le mie preferenze per iMacs.

È abbastanza bello che io sia impazzito con l’app Keyboard Maestro. Ora usando quello, ho un paio di sequenze di tasti che aprono tutte le app per cui utilizzo AppleInsidere li dispone intorno allo schermo. Un’altra sequenza di tasti li sostituisce con quelli di cui ho bisogno nell’altro mio ruolo di Vice Presidente della Writers ‘Guild of Great Britain.

Ora che ho provato ultrawide, però, voglio andare ancora più ampio e sto guardando invidiosamente modelli da 49 pollici ridicolmente costosi.

So anche che devo prestare molta attenzione alla risoluzione. Questo Samsung è eccezionale per tutto il lavoro che faccio, ma non è eccezionale per la riproduzione di film o TV. Va bene, ma a 3440 x 1440, non è meraviglioso.

Per quanto riguarda il resto della scrivania, per favore immagina di mettere le mie braccia sul bordo del telaio e poi di spostarmi verso l’esterno per eliminare i detriti. Ciò che rimane include, a sinistra, un microfono Blue Yeti, un adattatore Luna Display rosso sopra il mio Mac mini, oltre a un hub USB a 7 porte TP-Link, il mio iPhone 11 Pro su un caricatore Anker Qi.

A destra, è principalmente il mio materiale di lettura attuale, con una sceneggiatura su quell’iPad Pro da 12,9 pollici. È un iPad Pro originale del 2015 ed è scricchiolante. È mattina presto mentre scrivo questo messaggio e ho già ricevuto l’avviso di batteria scarica. Inoltre, alcune parti dello schermo non rispondono più al tocco. Eppure è ancora un cavallo di battaglia per me, e quello che ho letto su una quantità enorme.

Lo sfondo del Mac, a proposito, è mio. È uno scatto molto ravvicinato che ho fatto di frammenti scartati in una fabbrica di vetro qui nel Regno Unito.

Amber Neely, scrittrice

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Oltre a scrivere per AppleInsider, Amber Neely è un artista, e puoi dirlo con questa configurazione da scrivania meglio progettata di tutti.

Dal momento che vivo in un monolocale di meno di 600 piedi quadrati, non ho uno spazio ufficio separato che posso mettere in valigia con la tecnologia. Potresti definire il mio setup minimalista, ma per lo più è appena nato per necessità.

La scrivania è una scrivania Micke di Ikea, la più piccola che offrono. È largo solo 28 pollici, il che significa che possiamo inserirne due in un’area relativamente piccola senza occupare l’intera stanza.

Nella parte superiore del mio monitor, ho una ScreenBar BenQ che mi piace usare nella prima parte del mio turno. Quando mi sveglio per lavoro, è ancora buio per quasi un’ora intera. Avere una piccola luce che posso usare sulla mia scrivania senza paura di svegliare la mia compagna: è un monolocale, ricordi? -è bella.

Il monitor stesso è un monitor HP FreeSync da 25 pollici Low Haze, che possiedo da un paio d’anni. Trovo che lavorare sullo schermo di un laptop non sia ottimo per la mia postura o la mia vista, quindi l’aggiunta di un monitor più grande alla mia configurazione è stata cruciale. Sotto il mio monitor c’è un montante per monitor flat-pack, che funziona per mantenere tutto a livello degli occhi e lontano dalla strada.

Sul montante del monitor c’è il mio GoCube, un speedcube abilitato Bluetooth. C’è un controller di gioco Bluetooth 8BitDo N30 Pro: consiglio vivamente di prenderne uno se giochi a giochi Nintendo, SNES o PS1. Infine, tengo anche il mio Nintendo Switch Lite a portata di mano, nascosto nella sua custodia per il trasporto di Animal Crossing New Horizons.

All’interno del monitor riser è dove riposto il mio iPad Pro. Dandogli uno spazio adeguato si assicura che lo utilizzi anche una buona quantità. Sotto il monitor è presente una tastiera meccanica Keychron K2.

A lato della mia scrivania c’è una cassettiera Alex che ho ricevuto da Ikea. L’aggiunta di una serie di cassetti alla mia installazione mi ha dato non solo un sacco di spazio per riporre documenti e materiali di consumo, ma anche un ulteriore spazio piatto di 14 pollici.

Sulla parte superiore del cassetto, ho un MacBook Pro da 15 pollici che tengo in un BookArc di dodici Dodici. È stato determinante nel darmi un po ‘di spazio in più con cui giocare.

Andrew O’Hara, produttore video

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Andrew O’Hara ha seri strumenti di produzione video, oltre a “The Simpsons”.

Sto usando una semplice scrivania Lisabo Ikea come mia principale stazione di lavoro che ha un colore del legno naturale che ricorda molto un Apple Store. Su di esso ho una serie di monitor Kef LSX su entrambi i lati del mio monitor BenQ EW3280U da 32 pollici. In cima al monitor c’è la mia webcam Logitech StreamCam in quanto il Mac Pro su cui lavoro non ha una videocamera dedicata. Che si trova sotto l’edizione sospesa Yeti Blackout Spark SL Blackout che oscuro quando registro podcast o VO.

Il monitor è sopra un supporto di noce che ho realizzato con un’apertura sotto di esso dove posso infilare la tastiera se ho bisogno di spazio aggiuntivo. Sul cavalletto in noce c’è anche il mio caricabatterie wireless Nomad Walnut Base Station, il mio telecomando Apple TV Siri e il coltello da lavoro Grovemade per l’apertura di pacchetti.

Ho anche un set di sottobicchieri in noce Grovemade e un portapenne. Spesso non devo caricare il mio Apple Watch durante il giorno, ma quando lo faccio o se lo indosso per tenere traccia del sonno, ho il dock per orologio in alluminio con blocco Studio Proper.

My Magic Keyboard, Magic Mouse 2 e Magic Trackpad 2 siedono tutti sul tappetino da scrivania in lana di Grovemade.

Questo è tutto ciò che è in cima alla mia scrivania, ma c’è ancora molto da fare. A parte, ho uno stack separato in cui mantengo le mie periferiche. Ciò include il dock LaCie 2Big Thunderbolt 3 da 20 TB. Tengo a portata di mano CalDigit TS3 + per collegare qualsiasi altra cosa di cui possa aver bisogno. C’è anche il nuovo Sonnet Thunderbolt 3 XQD / CFExpress 2 dual card reader per l’importazione rapida di filmati dalle mie fotocamere Nikon Z 7 e Nikon Z 6 su cui scatto.

Ad alimentare il monitor è anche il nuovo BlackMagic eGPU Pro che si collega tramite Thunderbolt 3 e HDMI al monitor stesso. Abbiamo solo la grafica di base in Mac Pro e questo mi permette di collegare il mio MacBook Pro all’eGPU quando devo collegare la mia macchina portatile per le modifiche.

Il retro della mia scrivania è avvolto nella striscia di luce Eve compatibile con HomeKit che non solo può aggiungere un po ‘di colore qui, ma sembra buono anche quando si scatta sulla mia scrivania.

Il mio ufficio si trova nel mio studio, il che significa che ho un sacco di impianti di illuminazione e scaffali posizionati in giro, nonché un paio di set diversi a seconda di ciò che viene girato quel giorno. Per un suono più coinvolgente – odio lavorare in silenzio – non solo ho gli altoparlanti LSX sulla scrivania, ma ho il Naim Mu-So 2 come set sia in background che un altoparlante AirPlay 2 funzionale che posso controllare via Siri. Ho anche un HomePod in studio che è utile poiché molte luci (così come gli altoparlanti Apple TV e AirPlay 2) possono essere controllate tramite Siri e HomeKit.

Mike Peterson, scrittore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Non indovinerai mai a che ora del giorno Mike Peterson ha scattato questa foto.

Corro un MacBook Pro da 13 pollici montato su BookArc e collegato a un monitor HP e un paio di altoparlanti creativi economici di Amazon. Molto più importante è la tastiera meccanica, un Keychron K2, che rende molto più piacevoli i lunghi periodi di scrittura. Consiglio vivamente anche MX Master 3 per un mouse buono ed ergonomico.

L’installazione è semplice, ma è stata più che sufficiente per la scrittura e il lavoro multimediale leggero. La stessa scrivania è in realtà un controsoffitto della cucina su due armadi Ikea. Per compagnia, ho un bel bonsai da interno. E per dimostrare che non sono un fanatico di Apple, ho un Raspberry Pi 4 pronto per l’hardware o il ritocco della sicurezza.

L’iPad Pro a sinistra ha diversi anni e viene utilizzato principalmente per leggere Apple News.

Daniel Eran Dilger, scrittore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

La scrivania di Daniel Eran Dilger deve contenere circa due terzi dell’attrezzatura Apple e un terzo di giocattoli interessanti.

Daniel Eran Dilger è un AppleInsider editorialista che in qualsiasi momento può scrivere da casa sua o in viaggio in occasione di eventi come il WWDC. Il suo lavoro ruota attorno al suo MacBook Pro, molto usato, ma qui ha spiegato le sue altre cose essenziali e alcune sorprese.

Funzionando in modo molto approssimativo da sinistra a destra, puoi scegliere dove ha una batteria Elefull da 30k mAh, che nota che valuta come ha gli ingressi di ricarica Mini USB, USB-C e Lightning, oltre a una veloce uscita USB-A.

A proposito di energia, c’è anche un caricatore solare Anker Power Port e, parlando di USB-C, puoi individuare le unità Western Digital e LaCie Backup.

Mentre il MacBook Pro è la sua macchina centrale, nota che ha sia un iPad Pro che un iPad Air 3, insieme a una Apple Pencil.

Ma accanto agli strumenti di lavoro, ha anche un drone DJI Mavic Pro Platinum. C’è anche un vecchio Apple Watch Series 0 con uno schermo LCD che si libera, un iPhone 5 in muratura da un beta dev iOS – e una pistola da massaggio.

Wesley Hilliard, scrittore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Non è un Mac sulla scrivania dello scrittore Wesley Hilliard, è un monitor esterno per un iPad Pro

Non uso un Mac da nessuna parte nel mio flusso di lavoro e so che potrebbe essere blasfemo al limite, ma mi piace davvero lavorare e usare il mio iPad Pro da 12,9 pollici di terza generazione con 1 TB di spazio di archiviazione interno e i dati dei cellulari, come mio cavallo di battaglia. Uso questo dispositivo in tre configurazioni; come desktop, come laptop e come tablet.

L’immagine della mia scrivania è la mia “modalità desktop” ed è dove passo la maggior parte del mio tempo a lavorare. L’iPad Pro si trova in un supporto Viozon che mantiene l’iPad seduto proprio come ne ho bisogno, con la matita Apple nelle vicinanze per il fotoritocco e il design delle immagini.

L’iPad Pro è collegato tramite USB-C al display LG e ha una connessione Bluetooth alla tastiera estesa Apple. Ho scelto il display LG Ultrafine da 22 pollici per la sua integrazione con True Tone e la fornitura di energia tramite la connessione USB-C. Avere l’iPad visualizzato davanti al mio viso senza guardare uno schermo più piccolo significa molto più comfort e una lettura più facile.

Collegato al display LG è un hub Stay-go di Twelve South. Questo ha il dongle del mouse Corsair, un SSD Samsung T5 da 1 TB, un microfono Audio-Technica AT2500 e un cavo Ethernet collegato ad esso, e quindi, all’iPad Pro.

L’iPad mini funge da secondo schermo durante il lavoro. Tengo aperto Slack e Reeder per tutto il mio turno durante il giorno, così posso concentrarmi sul mio lavoro sulla schermata principale.

Il nostro client di pubblicazione è sul Web, per il quale utilizzo Safari. IA Writer è il luogo in cui conservo tutti i progetti e i testi in corso per scopi di archiviazione. Uso questa app per la sua integrazione con File, esportazioni di testo semplice e recupero di file storici.

Picsew combina immagini e schermate senza sforzo e mi consente di mettere quei frame del dispositivo su screenshot per il lavoro. Affinity Designer viene utilizzato per creare immagini uniche per storie che richiedono più contenuti editoriali. Affinity Photo è il mio sito per l’editor di immagini dalla mia fotocamera Sony A7II. Pixelmator Photo è ideale per le correzioni rapide dei colori e Pixelmator viene utilizzato per il ridimensionamento rapido delle immagini per il nostro modello di sito Web.

Il lavoro complessivo da questo desktop è comodo e ha tutto ciò di cui ho bisogno a portata di mano.

Le menzioni importanti sulla scrivania includono una bottiglia d’acqua Apple ufficiale da Apple Park e il pad di ricarica wireless Trio Satechi. Questa è la custodia della batteria Apple Smart e la custodia AirSnap Pro di Twelve South. La scrivania è di Ikea.

Quando ho bisogno di tempo lontano dalla scrivania, l’iPad Pro va nella custodia della tastiera Brydge Pro e viene fornito con me come laptop. Ovviamente arriva anche l’iPad mini.

Victor Marks, scrittore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Anche una scrivania non è un requisito, poiché lo scrittore Victor Marks lavora dal suo splendido soggiorno

Lavoro principalmente dal mio salotto, con il laptop o la tastiera appollaiati sul braccio alto del divano. Il tavolino da caffè fa sempre parte dello spazio, con il Belkin Flipstand, i sottobicchieri in scisto e (secondo William Gallagher) segretamente una tazza da tè britannica.

I telecomandi controllano il ventilatore a soffitto (che presto sarà anche su HomeKit tramite HAA di RavenSystem) e AppleTV. La tastiera è il Keychron meccanico K2.

Malcolm Owen, scrittore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

La scrivania dello scrittore Malcolm Owen è costruita in casa.

Finora ho trascorso più di otto anni in una situazione lavorativa da casa, ma la situazione è cambiata alcune volte nel corso degli anni. Inizialmente ero rintanato in una stanza sul retro con la testa a pochi centimetri da una lavatrice a funzionamento ripetuto, quindi dopo essermi trasferito sono stato in grado di dedicare un’intera stanza al lavoro. Ora, il mio spazio di lavoro si è ridotto un po ‘, ma è più che sufficiente spazio per quello che mi serve.

La workstation è un Mac mini 2014 con un processore Core i5 dual-core da 2,6 GHz, 8 GB di RAM e il vecchio disco rotante sostituito da un SSD. Devo ammettere che probabilmente è un po ‘meno di quello che mi serve per il mio lavoro, in parte a causa della mia abitudine di utilizzare Chrome e le app Web e di non poter aggiungere più memoria, ma verrà presto sostituito da un aggiornamento.

I display sono in uno stato simile per essere vecchi e devono essere sostituiti. Sono di AOC e ASUS, erano i più economici a fare il lavoro quando li ho acquistati e sono in prima fila per passare a schermi 4K. Entrambi sono collegati a un braccio di montaggio VESA, che era di nuovo il più economico che potessi acquistare da Amazon, con l’obiettivo di mantenere il maggior spazio possibile sulla scrivania non utilizzando i supporti per monitor inclusi.

Dato che sono un giocatore, oltre a credere in una separazione tra lavoro e gioco, ho un PC nelle vicinanze. Utilizzato principalmente per i giochi, il PC autocostruito viene utilizzato anche per l’archiviazione e la gestione di alcuni dati delle schermate occasionalmente richieste di Windows. Il Mac mini è appollaiato sulla parte superiore del PC, quindi almeno una parte del cablaggio del topo può essere sotto la scrivania invece di essere immediatamente visibile.

Le periferiche sono collegate al Mac principalmente attraverso cavi di prolunga USB sul retro della scrivania, anche se ho anche un hub USB bloccato sul supporto del monitor per evitare che mi allunghi troppo. Sul desktop sono presenti anche un iPhone XR e un iPad Pro da 9,7 pollici, un mouse e una tastiera per ciascuno dei due computer un microfono Blue Snowball, un’antica webcam Logitech e una fonte di alimentazione secondaria utilizzata per dispositivi a basso consumo e ricaricare oggetti mentre un UPS sotto la scrivania gestisce la distribuzione di energia principale.

Instrado più audio possibile attraverso il PC, con l’iPad Pro che gestisce la mia playlist di lavoro non verbale inoltrata attraverso un iRig ad esso, e quindi trasmesso attraverso le cuffie. In rare occasioni in cui devo fare una telefonata o ascoltare qualcosa proveniente dal Mac che non sarà rapidamente ascoltabile dalla configurazione dell’iPad tramite PC, utilizzo alcune cuffie Bluetooth in-ear Anker.

I backup per Mac e PC vengono consegnati rispettivamente tramite Time Machine e Cronologia file per separare i dischi rigidi esterni da 2 TB. Nel ripostiglio si trova un vecchio PC che viene utilizzato come file server, anche se fattibile potrebbe anche essere utilizzato per scopi di backup lungo la linea con sufficienti aggiornamenti di archiviazione.

Dietro la scrivania c’è una cortina di luci che aiuta a prevenire l’affaticamento degli occhi mentre si lavora, e un orologio viene tenuto sul davanzale della finestra per visualizzare l’ora orientale, per evitarmi di dover calcolare la differenza di orario tra gli Stati Uniti e il Regno Unito durante l’orario di lavoro.

Dato che lo spazio viene utilizzato sia per il lavoro che per il gioco, ho anche molte cose vicino a me per quest’ultima delle due aree. Disegno, carte da gioco e oggetti magici sono a portata di mano alla mia sinistra, mentre dietro al mio posto c’è una chitarra elettrica. Un Amazon Echo Dot si trova anche sul PC, per gestire le funzioni della playlist senza cuffie e per salvarmi il tratto di due piedi per accendere il mio fan dell’ufficio.

Mike Wuerthele, editore

Come lavora il personale di AppleInsider da casa e quali attrezzi abbiamo bisogno per farlo

Tutti sono diversi, ma l’editore Mike Wuerthele ha anche notato che anche tutto cambia.

Ho scherzato sui social media che 30 anni di esperienza di vita hanno portato a questo momento. Tra il servizio sottomarino e 18 degli ultimi 20 anni come lavoro da casa con gran parte di quello che si prende cura di un bambino disabile in questo ufficio / camera da letto, non molto deve cambiare a breve termine per sostenere il “nuovo normale” coronavirus che noi ‘ ci siamo trovati, almeno temporaneamente.

La mia macchina di lavoro principale è un MacBook Pro 15 pollici 2018 i9, che si collega a una eGPU Razer Core e una scheda video Radeon VII. Questo, a sua volta, si collega a un ricevitore Denon AVR-S920W insieme a tutto il resto dell’apparecchiatura AV, che quindi si collega tramite HDMI 2.0 a una coppia di display 32 pollici LG 32UK50T-W che sono montati a parete con articolazione Supporti VESA.

Non ho periferiche collegate all’eGPU, né ne ho niente a catena. Invece, utilizzo un dock CalDigit TS3 + Thunderbolt 3 per alimentare MacBook Pro e collego le mie periferiche come il microfono a condensatore Amazon Essentials per la registrazione di podcast e El Gato Stream Deck XL per un pannello di controllo rapido e monitorare alcuni dei parametri del mio sistema .

Non molto tempo fa, avevo in programma di raccogliere un paio di rack per server usati per la gamma di attrezzi accanto alla scrivania. Ma ho scoperto che il sistema di armadi Ikea Algot avrebbe fatto quello che mi serviva e lo avrebbe fatto più economico, con maggiore flessibilità.

Il rack ersatz contiene il Denon, l’eGPU, un paio di console e set-top box tra cui una Apple TV 4K, oltre alla mia stazione di ricarica per iPad e tablet. Ancora più importante, al di sotto del livello della superficie della scrivania, contiene anche il mio mini server domestico basato su Mac 2018, con una pila di dischi rigidi sospesi in contenitori Thunderbolt originali relativamente vecchi.

Quel Mac mini è un server Time Machine, è una cache locale di contenuti di aggiornamento di Apple, quindi dobbiamo scaricare solo una volta le patch del sistema operativo e memorizza tutti i nostri contenuti iTunes scaricati e i film che possiedo su DVD che ho codificato per Home Condivisione. Abbiamo la libreria multimediale lì, non solo per limitare l’uso della larghezza di banda complessiva, ma anche per aiutare i bambini a divertirsi nel caso di un’interruzione di Netflix o Disney +.

Ma, guardando l’immagine, mi rendo conto di quanto è cambiato nel tempo. Come guardare un bambino crescere ogni giorno, non si vedono sempre i cambiamenti a breve termine.

Negli ultimi due anni, quasi tutto in questo lavoro e nel tempo libero è cambiato, un pezzo alla volta. Il risultato generale è quello di fare ciò che è necessario fare per garantire comfort e una configurazione ottimale per il lavoro da casa. Non vale la pena scartare o “arrangiarsi” se non è necessario.

Anche miglioramenti relativamente minori in uno spazio possono fare una grande differenza per l’abitabilità e la lavorabilità complessive.

Un mondo di differenza

Per quanto lavoriamo tutti insieme, nessuno di noi ha visto le aree di lavoro di tutti gli altri dal punto di vista del lavoratore prima di iniziare a assemblare questo pezzo. Quindi, anche se abbiamo ruoli e responsabilità diversi, gran parte del nostro lavoro deve sovrapporsi e tutto ciò ovviamente comporta scadenze simili, requisiti simili.

Eppure, nonostante tutto ciò, nessuna di queste configurazioni è uguale. Tutto è modellato sulle esigenze, i gusti e anche i budget di ogni persona.

William ha cambiato monitor tre volte nell’ultimo mese, anche se vuole che tu sappia che prima aveva solo due monitor per otto anni. Siamo pieni di microfoni, ma Mike Wuerthele ha notato come la sua configurazione si è trasformata senza nemmeno accorgersene. Creiamo questi spazi per noi stessi e non finisce mai, non smettiamo mai di creare e rifare i nostri ambienti di lavoro.

L’unica costante tra tutti qui è che questa adattabilità di cui abbiamo bisogno significa che usiamo gli attrezzi Apple. Ti aspetteresti che qualcuno ci stia lavorando AppleInsider per usare Mac e iOS, ma per tutti qui, non è il caso che lo usiamo perché è qui che lavoriamo. È molto più che lavoriamo qui perché questa è l’attrezzatura che usiamo e, per essere onesti, amore.

Resta al passo con AppleInsider scaricando l’app AppleInsider per iOS e seguici su YouTube, Twitter @appleinsider e Facebook per una copertura in tempo reale e all’avanguardia. Puoi anche controllare il nostro account Instagram ufficiale per foto esclusive.