Skip to content
Freedsound | Scaricare Musica Gratis da Youtube


Cosa devi sapere sullo scanner LiDAR di Apple nell’iPad Pro

Marzo 6, 2020
Cosa devi sapere sullo scanner LiDAR di Apple nell'iPad Pro

Mercoledì Apple ha svelato due nuovi modelli di iPad Pro dotati di uno scanner LiDAR, che offrirà importanti miglioramenti a ARKit e alla fotografia.

Cosa devi sapere sullo scanner LiDAR di Apple nell'iPad Pro

Il nuovo scanner LiDAR di Apple offrirà importanti miglioramenti alla realtà aumentata.

I nuovi modelli iPad Pro da 11 e 12,9 pollici sono i primi dispositivi Apple ad avere il sistema laser 3D, ma probabilmente non saranno gli ultimi. Ecco cosa devi sapere su LiDAR, come migliora gli attuali modelli di iPad Pro e quali altri futuri dispositivi Apple potrebbero presentarlo.

Che cos’è LiDAR?

Al livello più elementare, LiDAR è un sistema a tempo di volo che spara laser a bassa potenza in un ambiente. Utilizzando i riflessi, calcola la distanza da oggetti e punti nell’ambiente e crea una mappa di profondità 3D o un rendering accurati in base ai risultati.

L’approccio proprietario di Apple, semplicemente soprannominato LiDAR Scanner, probabilmente ha qualche asso nella manica. Apple afferma di poter misurare la distanza dagli oggetti circostanti fino a 5 metri di distanza e opera “a livello di foto a velocità di nano-secondo”.

Lo scanner iPad Pro LiDAR viene utilizzato per creare punti di mappatura di profondità che, se combinati con i dati della fotocamera e del sensore di movimento, possono creare una “comprensione più dettagliata di una scena” secondo Apple.

A cosa potrebbe servire uno scanner LiDAR?

Cosa devi sapere sullo scanner LiDAR di Apple nell'iPad Pro

Entrambe le app di prime e terze parti saranno in grado di sfruttare una mappatura di profondità più accurata.

Tra le funzionalità esistenti di Apple, LiDAR avrà il maggiore impatto sulla realtà aumentata (AR) e sul framework ARKit di Apple. Apple afferma che il nuovo scanner LiDAR consentirà il posizionamento istantaneo degli oggetti, indicando che gli utenti non dovrebbero “scansionare” il loro ambiente prima del caricamento di un’app AR.

Oltre ai miglioramenti nell’acquisizione di movimento e nell’occlusione delle persone, lo scanner LiDAR renderà l’app Measure molto più veloce e più accurata. La misura includerà ora una nuova vista righello per ulteriori misure granulari anche in futuro.

Mentre Apple non lo ha menzionato in modo specifico, LiDAR migliorerà anche la fotografia. Prendi la modalità Ritratto, che l’iPad Pro 2018 supportava solo in modalità frontale. Con un’effettiva mappa 3D della profondità di un’area invece di utilizzare i calcoli basati sull’obiettivo per determinare la profondità, Apple potrebbe aggiungere la modalità Ritratto orientata all’indietro su iPad Pro e migliorare la precisione e la velocità della funzione.

LiDAR sta arrivando ad altri dispositivi?

Lo scanner LiDAR di Apple è stato lanciato prima sul nuovo iPad Pro da 11 e 12,9 pollici, come si diceva in precedenza. Ma il sistema dovrebbe anche arrivare su alcuni iPhone 2020, anche.

Le informazioni più recenti, estratte dal codice all’interno di una perdita di iOS 14, suggeriscono che una videocamera del tempo di volo arriverà su “iPhone 12 Pro” e “iPhone 12 Pro Max” quest’anno.

Su questi dispositivi, uno scanner LiDAR porterà anche gli stessi miglioramenti alle app e alla fotografia di ARKit. Ma combinato con la tecnologia Ultra Wide Band, può anche essere utile in applicazioni come la navigazione interna e il monitoraggio degli articoli.

LiDAR per applicazioni veicolari

Cosa devi sapere sullo scanner LiDAR di Apple nell'iPad Pro

 

LiDAR è una nuova aggiunta ai dispositivi portatili Apple, ma l’azienda tecnologica Cupertino li utilizza da anni attivamente in altre applicazioni. Veicoli Apple con sensori LiDAR sono stati individuati in California già nel 2015. La tecnologia è considerata una parte cruciale dello sviluppo di veicoli autonomi, in particolare in modo che possano analizzare accuratamente il loro ambiente.

Tra le voci su Project Titan e “Apple Car”, la società sembra investire costantemente in LiDAR e in altre ricerche correlate per applicazioni veicolari, tra cui una serie di domande di brevetto relative alla tecnologia.

E in un raro esempio di ricerca rivolto al pubblico, nel 2017 Apple ha anche pubblicato un documento di ricerca che dettaglia i sistemi di riconoscimento di oggetti 3D basati su LiDAR per auto a guida autonoma. In sostanza, il sistema sfrutta la mappatura di profondità di LiDAR e la combina con le reti neurali per migliorare notevolmente la capacità di un’auto a guida autonoma di “vedere” il suo ambiente e i potenziali pericoli.